René Paresce. Italiani a Parigi

il

René Paresce. Italiani a Parigi

René Paresce giunge a Parigi nel 1912 per cercare nella pittura il senso grande e terribile della sua epoca. Con Campigli, de Chirico, de Pisis, Savinio, Severini e Tozzi – Les Italiens de Paris – Paresce condivide un’esperienza straordinaria in una città dove “nulla era semplice nemmeno la miseria”, come scrive Hemingway.
Les Italiens sono diversi tra loro ma condividono l’identità del classico e la stessa idea di una pittura mediterranea e metafisica. Dopo le avanguardie l’artista deve tornare a essere un maestro ma anche un uomo di pensiero, un intellettuale moderno come ai tempi del Rinascimento. Les Italiens ne sono consapevoli: cambiando tecnica, cambiano stile. Per questo sono grandi innovatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *